Amiata Piano Festival tra romanticismo e simbolismo con un inedito sestetto d’archi

Echi di romanticismo e simbolismo al 15° Amiata Piano Festival. Sabato 29 giugno 2019 al Forum Bertarelli di Poggi del Sasso (Cinigiano, Grosseto) si potranno ascoltare due capolavori musicali di fine Ottocento: i sestetti per archi Souvenir de Florence di Piotr Ilych Tchaikovsky eVerklärte Nacht (“Notte trasfigurata”) di Arnold Schoenberg.

Il primo è un brano tra i più significativi del compositore russo, ispirato ai ricordi dei giorni felici trascorsi a Firenze e influenzato dalla cantabilità delle opere italiane da lui amate. Il secondo si ispira invece a una suggestiva lirica del poeta simbolista tedesco Richard Dehmel ed è considerata la prima importante composizione strumentale del maestro austriaco destinato a rivoluzionare il linguaggio musicale nel Novecento.

Sul palco un inedito sestetto, nel quale tre celebri solisti – la violinista Sonig Tchakerian, il violista Alfredo Zamarra e la violoncellista Silvia Chiesa – affiancheranno al leggio tre giovani ma già acclamati talenti: il violinista Damiano Barreto, il violista Alessandro Acqui e la violoncellista Ludovica Rana.

 

«Credo fortemente nella necessità di sostenere i giovani di talento», spiega la violoncellista Silvia Chiesa, ideatrice del progetto Amiata Music Master in cui si inserisce questo concerto. «Offrire loro l’opportunità di esibirsi su un palcoscenico prestigioso e con colleghi affermati è importante per aiutarli a costruire la loro carriera ed è un’esperienza che arricchisce anche chi, come me e gli splendidi colleghi che hanno accettato il mio invito, è disposto a mettersi in gioco e a confrontarsi con le nuove generazioni».

 

Il progetto è realizzato in collaborazione con l’Associazione “Musica con le Ali”, la Fondazione Stauffer di Cremona e l’Accademia di Santa Cecilia di Roma. L’anteprima del concerto, qualche giorno fa a Vicenza per il festival “Settimane Musicali al Teatro Olimpico” è stata accolta con entusiasmo dal pubblico e dalla critica.

Il concerto inizierà alle ore 19.00. Come di consueto, durante l’intervallo verrà offerta al pubblico una degustazione dei vini della Cantina ColleMassari.

La rassegna fondata e diretta da Maurizio Baglini e sostenuta dalla Fondazione Bertarelli proseguirà domenica 30 giugno con musiche di Boccherini, Mozart e Beethoven. Sul palco: il Quartetto d’archi del Teatro alla Scala, il pianista Simone Soldati e il musicologo Sandro Cappelletto.

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami