Bergamo: Piccole gemme e celebri capolavori a Città Alta Chamber Music Week

Giunge quest’anno alla terza edizione la “Città Alta Chamber Music Week”, una masterclass di musica cameristica della durata di una settimana, nata da una felice collaborazione tra il Conservatorio “Gaetano Donizetti” di Bergamo e la concittadina Fondazione MIA che consente a studenti provenienti sia dall’Italia che dall’estero di approfondire il repertorio dedicato agli strumenti ad arco (con o senza la partecipazione del pianoforte o di altri strumenti) con una squadra di docenti dalla nota maturata esperienza cameristica: Claudio Mondini e Francesca Monego per il violino, Jörg Winkler per la viola e Thomas Ruge per il violoncello.

Sabato 20 Luglio scorso si è svolto uno dei concerti conclusivi di questa Chamber Music Week, e si è potuto assistere a un saggio del lavoro svolto da ragazzi giovani e giovanissimi.

Il repertorio proposto non è stato, si può dire, affatto prevedibile o consueto, ma anzi, toccava brani e autori spesso poco considerati.

Il via, infatti, è stato dato con il compositore Ignaz Pleyel: il duo di violini formato da Ambra Loriga e dal M° Claudio Mondini ha eseguito il Duetto Op.48 n.1 in Sol maggiore, pagina breve e leggera in tre movimenti, datata 1806, d’ispirazione pre-romantica.

Quindi è stato il turno dei Deux Interludes di Jacques Ibert, per flauto, violino e pianoforte. Unica composizione del concerto a uscire dall’organico per soli archi e prendere in causa strumenti altri. Qualche piccola incertezza di insieme negli attacchi non hanno privato di gustare lo stile mutevole e l’atmosfera un po’ trasognata di questi pezzi, specialmente nel secondo, Allegro vivo, che ha visto una buona resa soprattutto nella parte violinistica.

Da un trio si passa a un altro, ma tornando alla formazione per soli archi: un Andantino, estratto dal Trio in Sol minore per due violini e violoncello di Borodin, brano struggente e di non semplice gestione, anche per la sua struttura – come, ad esempio, il breve episodio in pizzicato prima della ripresa del tema principale, sostenuto da un violoncello fisionomicamente quasi passeggiato, desta qualche sorpresa nell’ascoltatore.

Successivamente, la prima composizione per un organico di quartetto d’archi della serata, il Capriccio dai Quattro pezzi per quartetto d’archi Op.81 di Felix Mendelssohn. Dopo un’introduzione mesta (Andante con moto) simile a una delle Romanze senza parole, ecco una sferzata di energia data dalla seconda parte in forma di fuga, che procede senza sosta, dritta alla meta. Il giovane quartetto ha saputo rendere piuttosto bene sia l’aspetto più tecnico (da menzionare, in questo, la solidità del primo violino, Coco CaiYaxuan) che quello più musicale, mettendo ben in luce le varie entrate del soggetto dell’Allegro fugato.

Segue il primo movimento del Quartetto n.1 D.18 in Do minore di Franz Schubert, Andante-Presto vivace, eseguito con notevole attenzione ai dettagli espressivi, alle intonazioni, valorizzando le dinamiche imprevedibili e ricercando un’identità forte. Alla viola, il M° Winkler.

Si ritorna quindi all’organico dei tre strumenti ad arco, con il Trio per violino, viola e violoncello Op.9 n.3 del grande Beethoven. Davvero interessanti, qui, la coesione e le intenzioni musicali dei tre componenti, che hanno dato vita a un’esecuzione notevole, curata, e musicalmente non certo immatura. Doveroso un accenno al violoncellista Milan Drake, che, sia qui che nel precedente Capriccio mendelssohniano ha dato prova di avere sicurezza e una buona preparazione strumentale.

Chiudono il concerto il primo movimento, Allegro moderato, dal Quartetto in Fa di Maurice Ravel, capolavoro quartettistico universamente riconosciuto, e, tornando nuovamente a Mendelssohn, l’energico e frizzante Allegro vivace del Quintetto per archi in Si bemolle maggiore Op.87.

Andrea Rocchi
(20 luglio 2019)

La locandina

Violino IFrancesca Monego
Violino IICecilia Drago
Viola IEster Maccarini
Viola IIAndrea Paganelli
VioloncelloConstantin Siepermann
Programma:
I. Pleyel (1757-1831)
Duetto n. 1 per due violini in re maggiore, op. 48
J. Ibert (1890 – 1962)
Deux Interludes
A. Borodin (1833 – 1887)
dal Trio in sol minore per due violini e violoncello
F. Mendelssohn (1809 – 1847)
dai Quattro pezzi per quartetto d’archi op. 81
F. Schubert (1797 – 1828)
dal Quartetto per archi n. 1 in do minore, D 18
L. Van Beethoven (1770 – 1827)
dal Trio per archi n. 3 in sol maggiore, op. 9 n. 1
M. Ravel (1875 – 1937)
dal Quartetto per archi in fa maggiore
F. Mendelssohn (1809 – 1847)
dal Quintetto per archi n. 2 in si bemolle maggiore

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami