Bratislava, tropico del Capricorno

Pressburg, Pozsony, Bratislava: un tempo capitale politica del regno asburgico d’Ungheria, lo è oggi della repubblica slovacca. Fra epidemie di peste, alluvioni, scaramucce di frontiera con gli Ottomani, lotte religiose, insurrezioni popolari, in questo angolo fuori mano della Mitteleuropa il Seicento non fu un secolo d’oro. Tuttavia da questo cd apprendiamo che l’arte musicale continuò a fiorirvi con pragmatico ecumenismo nel segno del Kolossalbarock concertante di marca viennese e veneziana.

Due contraltari, la cattedrale cattolica di San Martino e la chiesa luterana della Trinità, si contendevano e magari si scambiavano i talenti di autori locali e immigrati; l’editore Gründer li stampava imparzialmente, e perdipiù tutti, “papisti” e “riformati”, inneggiavano a Dio in quel latino che nel calderone etnico dell’area danubiano-carpatica resterà per altri due secoli la lingua franca della cultura. Una “Missa tota” in 5 sezioni? Certo il lavoro di un compositore cattolico, si dirà.

E invece no, perché l’autore ne è Samuel Bockshorn latinizzato in Capricornus, figlio di un pastore protestante boemo e dal 1657 Kapellmeister ducale nella luterana Stoccarda. Ma aveva studiato a Vienna col veneziano Giovanni Valentini, qui rappresentato da un grandioso mottetto policorale ad uso dinastico, cioè asburgico. È Capricornus, gemello astrologico minore dell’illustre Sagittarius Heinrich Schütz,  il mattatore della presente antologia con 7 titoli su 10. Degli ancor più oscuri Johann Kusser (protestante) e Nicolaus Pollentarius (cattolico) possediamo solo collezioni lacunose, restaurate con amore dai musicologi Ladislav Caszic e Marina Toffetti.

Ma la musica cambia poco o nulla: salmi e mottetti di bel conio italiano, tra polifonie a 4 col basso continuo e duetti in stile recitativo ricco di fioriture. Note di merito distinto ai tre ensembles vocali e strumentali, nei quali il timbro dei cornetti introduce un prezioso sfolgorìo storicamente informato.

Si noti peraltro che Musica Aeterna, scritto con lo spazio bianco, non è il celebre complesso di Currentzis, bensì un ottimo gruppo slovacco fondato nel 1973.

Carlo Vitali

Info:

Resonate & plaudite
musiche di Samuel Bockshorn “Capricornus”, Johann Kusser, Nicolaus Pollentarius, Giovanni Valentini
Musica Aeterna, Czech Baroque Choir, Les Cornets Noirs
Direttore e primo violino Peter Zajíczek
Musica Aeterna (senza codice)

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami