Chigiana Digital un futuro per la musica

L’Accademia Chigiana si conferma tra le Istituzioni più avanzate nel nostro Paese. Nonostante le difficoltà dell’attuale fase, caratterizzata dalla diffusione del Coronavirus e dall’impatto sul mondo dello spettacolo e delle attività musicali in particolare, la storica istituzione senese prosegue nel suo percorso di rinnovamento e di riposizionamento nel contesto internazionale. Un nuovo, grande passo in avanti dell’Accademia nel mondo virtuale sarà segnato l’11 dicembre con l’avvio delle attività di “Chigiana Digital”, la nuova piattaforma online e la nuova “casa” virtuale dell’Accademia Chigiana.

“Chigiana Digital” – Sarà lo spazio dove poter fruire dall’esterno di tutte le attività dell’Istituzione: dai concerti dei grandi interpreti e compositori, dei giovani talenti musicali provenienti da tutto il mondo trasmessi in alta definizione audio e video, agli storici concerti e documenti d’archivio, dai convegni musicologici internazionali alle lezioni dei corsi estivi di alta formazione tenute dai celebri docenti chigiani provenienti dall’Italia e dall’estero. E ancora, eventi speciali, seminari e corsi durante tutto l’anno e iniziative ad hoc, pensate per le caratteristiche della nuova piattaforma, che saranno di alta qualità audio digitale stereo ed elevato standard di trasmissione video.

«Con l’avvio di Chigiana Digital – spiega il Presidente dell’Accademia Carlo Rossi – per la Chigiana si apre una fase nuova di ulteriore crescita, che consentirà una razionalizzazione su scala mondiale della nostra offerta formativa e di spettacolo. Con questa piattaforma, l’Accademia senese si allinea alle più avanzate esperienze delle grandi istituzioni musicali internazionali e potrà raggiungere un pubblico sempre più vasto portando ovunque le proprie attività e al tempo stesso interagendo con le più importanti istituzioni artistiche e scientifiche di tutto il mondo. Siamo convinti che il contesto digitale sia uno spazio parallelo e complementare a quello dal vivo, che non verrà mai sostituito e che resta il nostro principale impegno; tuttavia è sempre più evidente che la comunicazione virtuale debba essere perseguita con regole specifiche e un’attività costante di aggiornamento. La costruzione e il lancio di una piattaforma nativa dell’Accademia, cui abbiamo lavorato molto intensamente in questi ultimi mesi, ma per la quale abbiamo avviato importanti investimenti a partire dagli anni scorsi, è ora l’occasione di proporre in maniera organica tutte le nostre attività con forme di diversificazione dell’offerta on-demand: dalla fruizione libera a quella con accesso riservato. Non è un caso che “Chigiana Digital” nasca poche settimane dopo avere lanciato i nostri nuovi programmi “In Vertice” e “Festival of friends” destinati ai grandi donatori e agli “Amici dell’Accademia”, poiché la piattaforma virtuale si presenta come un eccellente complemento alla fidelizzazione del nostro pubblico e dei nostri sostenitori. Un modo per essere sempre vicini alla Chigiana, per sentirsi a casa e soprattutto “nella casa della musica” anche dall’altra parte del mondo, con un colpo di click».

“Micat in Vertice”Il lancio di “Chigiana Digital” coincide con la nuova data di inaugurazione della Stagione di Concerti “Micat in Vertice” 2020-21, che, vista la protratta chiusura dei teatri e delle sale da concerto a causa della diffusione del Covid-19, sarà necessariamente in live streaming. Protagonista assoluto del concerto, che verrà trasmesso l’11 dicembre con inizio alle 21 sulla nuova piattaforma “Chigiana Digital sarà il celebre pianista Michele Campanella, che torna alla Chigiana, dove è stato a lungo docente, dopo 10 anni di assenza con un programma d’eccezione: le ultime tre Sonate per pianoforte (op. 109, op. 110 e op. 111), capolavori assoluti del tardo stile di Ludwig van Beethoven. Il concerto, che sarà preceduto da una breve presentazione dello stesso Michele Campanella, assieme a Nicola Sani, Direttore artistico dell’Accademia Chigiana, verrà trasmesso anche sui canali social dell’Accademia: You Tube, Facebook, Instagram, LinkedIn.

Per il Direttore Amministrativo Angelo Armiento «si rinnova l’impegno dell’Accademia nel posizionarsi sulla frontiera dell’innovazione, dai programmi alle modalità di formazione, studio, produzione, divulgazione e fruizione della musica, al pari delle più importanti istituzioni internazionali. Obiettivo che possiamo perseguire con la massima efficienza e incisività grazie alla competenza, alla professionalità e alla dedizione del team di dipendenti e collaboratori della Chigiana, sfruttando al meglio le opportunità che ci vengono fornite dalle nuove tecnologie».

“Re-envisaging music – La nuova piattaforma digitale “Chigiana Digital”, sarà ancora protagonista assoluta (ed esclusiva) del convegno internazionale di musicologia dell’Accademia intitolato Re-envisaging music – listening in the visual age, che si svolgerà online dal 10 al 12 dicembre.

«Dopo il brillante esito del convegno internazionale su Theodor Adorno dello scorso anno e la ripresa delle pubblicazioni della rivista di studi musicologici “Chigiana” – dichiara il direttore artistico Nicola Sani – l’attività convegnistica dell’Accademia prosegue quest’anno con un simposio online che esplora le nuove dimensioni dell’ascolto in un’epoca dominata dalla visione. Dallo sviluppo delle tecnologie multimediali ai social media, agli effetti speciali, la visione è in primo piano come mai prima d’ora. Ma la musica e le immagini, il vedere e l’ascoltare sono sempre stati inestricabilmente legati. In che modo i nuovi sviluppi tecnologici influenzano le nostre esperienze di ascolto e performance? Come influiscono sul modo di pensare e sull’identità delle diverse tradizioni musicali, dalla “classica” all’opera, dal jazz alla popular music? Lo scopo del convegno Re-Envisaging Music. Listening in the Visual Age è esplorare i nuovi scenari che ruotano attorno a queste domande e il modo in cui cambiano inevitabilmente la condizione dello spettatore, il modo in cui le tecnologie della comunicazione trasformano luoghi e rituali dell’ascolto e della performance, come agiscono i corpi degli artisti, come ci confrontiamo con le tradizioni e con la componente sonora dell’immagine in movimento. L’ampia partecipazione da parte di esponenti delle università e dei centri di ricerca italiani e internazionali, con la direzione scientifica di Antonio Cascelli e la collaborazione di Susanna Pasticci e Stefano Jacoviello, assicura al convegno il più alto profilo culturale e scientifico».

Tutte le sessioni di Re-envisaging Music: Listening in the Visual Age potranno essere seguite su “Chigiana Digital”. Per farlo è sufficiente iscriversi alla piattaforma online sul nuovo sito di Chigiana digital: www.digital.chigiana.org. Tutti i contributi video dei partecipanti, che verranno discussi nel corso delle sessioni del 10, 11 e 12 dicembre sono già disponibili online sulla piattaforma.

0 0 voto
Vota l'articolo
Iscriviti
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti