Francesco Divito: ’A voce sola

Che la voce non sia da considerarsi un “affaire” di genere dovrebbe ormai essere concetto noto a tutti ed accettato dai più.

Ove qualcuno avesse ancora dei dubbi potrebbe trovare un valido supporto in “’A voce sola”, uscito per la Kikko Music e che vede protagonista Francesco Divito, che non è un falsettista o un controtenore ma un “male soprano” a tutti gli effetti.

Nella voce di Divito non vi è traccia di artificio, l’estensione è quella di un soprano naturale sulla quale si incardina una tecnica di assoluto pregio, con agilità sempre nitide e ricchezza d’interpretazione.

Divito spazia dal primo Seicento con Monteverdi e Frescobaldi fino a Fauré per giungere all’impervio vocalizzo di Rachmaninov, passando per Händel, Mozart e Rossini.

Quasi tre secoli dunque nei quali la vocalità dei cantori evirati si evolve e muta: “Si dolce e ‘l tormento” richede un approccio assai diverso dalle arie di Cherubino e più ancora si differenzia da quella di Rossini che se nella Petite Messe Solennelle sulla carta non impiega castrati nei fatti è a loro che strizza l’occhio.

La voce corre sicura, si accende di colori fascinosi e soprattutto non si autocompiace ponendosi al contrario costantemente a servizio del dettato musicale, sostenuta in questo anche dai vari complessi impegnati nella raccolta.

Una cavalcata attraverso i secoli di assoluta godibilità.

Alessandro Cammarano

’A VOCE SOLA
Favourite Arias
sopranista, Francesco Divito
Kicco Music

4.7 7 voti
Vota l'articolo
Iscriviti
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti