Omaggio a Palladio: a Vicenza Schiff esegue i 5 concerti di Beethoven

Da giovedì 2 a domenica 5 maggio il Teatro Olimpico di Vicenza accoglie la XXII edizione del festival “Omaggio a Palladio” che ha per protagonisti Sir András Schiff e la Cappella Andrea Barca. Al centro dell’edizione 2019 ideata dal celebre musicista ungherese ci sono i Concerti per pianoforte e orchestra di Beethoven, che saranno proposti integralmente e in ordine cronologico di composizione dal maestro Schiff nella doppia veste di solista e di direttore.

La famosissima serie dei 5 Concerti beethoveniani, l’indiscusso prestigio internazionale di cui gode Sir András Schiff e la bellezza (anche acustica) del Teatro Olimpico hanno fatto scattare una vera e propria corsa al biglietto nella quale si sono cimentati, dallo scorso febbraio, appassionati provenienti da tutta Europa e da varie Regioni italiane. I biglietti per gli eventi in programma al Teatro Olimpico sono andati esauriti in pochi giorni e da allora è stata attivata una lista d’attesa nel caso di quale rinuncia dell’ultimo momento.

Se il piatto forte sono i Concerti di Beethoven – saranno eseguiti i numeri 1 e 2 nella serata inaugurale, il terzo e quarto sabato 4 maggio e il quinto in Mi bemolle maggiore “Imperatore” domenica 5 – il ricco programma di “Omaggio a Palladio” è completato da altri capolavori. Giovedì Schiff eseguirà il Quartetto n. 1 in Sol minore di Mozart (con Erich Höbarth al violino, Hariolf Schlichtig alla viola e Christoph Richter al violoncello); sabato propone l’altro Quartetto mozartiano – il numero 2 in Mi bemolle maggiore – questa volta in compagnia della moglie Yuuko Shiokawa al violino, di Jean Sulem alla viola e di Xenia Jankovic al violoncello; domenica sarà la volta di Bach (Ricercar a 6, dall’Offerta Musicale BWV 1079) e ancora di Amadeus Mozart, con la maestosa Sinfonia “Jupiter”.

L’appuntamento con la musica sacra – una costante del Festival ideato da Schiff – quest’anno prevede l’esecuzione, venerdì 3 maggio alla Basilica dei Santi Felice e Fortunato di Vicenza, delle “Ultime sette parole di Cristo sulla Croce” di Joseph Haydn nella versione per coro e orchestra. Sull’altare di San Felice si schiereranno, guidati dalla bacchetta del maestro Schiff, la Cappella Andrea Barca e l’ensemble corale Schola San Rocco preparato da Francesco Erle.

Sir András Schiff è uno dei più rinomati pianisti del nostro tempo. Nato a Budapest nel 1953, ha studiato all’Accademia Franz Liszt e si è perfezionato a Londra con George Malcolm. Da oltre 40 anni partecipa alle più importanti rassegne pianistiche del mondo ed è invitato ad esibirsi come solista con le più prestigiose formazioni orchestrali del panorama internazionale coltivando nel contempo la passione per il repertorio da camera, nel quale è attivo anche come ideatore di raffinati Festival. Fra gli innumerevoli riconoscimenti ricevuti in carriera, anche per l’intensa attività discografica, sono da ricordare la nomina alla Beethoven-Haus di Bonn, la medaglia della Wigmore Hall di Londra, la medaglia d’oro del Mozarteum di Salisburgo e della Royal Philharmonic Society di Londra e la Gran Croce al Merito della Repubblica Federale di Germania. Nel 2014 il maestro Schiff, che è anche cittadino onorario della Città di Vicenza, è stato nominato Cavaliere dell’Ordine dell’Impero Britannico. Il pianista ungherese è molto attivo anche in campo didattico: oltre a tenere numerose master class è anche “Supernumerary fellow” al Balliol College dell’Università di Oxford.

L’ideazione del Festival “Omaggio a Palladio” di Vicenza ha di fatto coinciso con la creazione della sua personale orchestra – la Cappella Andrea Barca – composta da una cinquantina di musicisti di varie nazionalità scelti personalmente da Schiff fra la cerchia di amici e colleghi con i quali condivide gli stessi ideali musicali ed estetici.

Dall’esordio a Salisburgo nel 1999, dove è stata ospite fino al 2005, la Cappella si riunisce solo in occasione di progetti specifici: da allora si è esibita ininterrottamente a Vicenza per “Omaggio a Palladio” e ha tenuto concerti al “Kunstfest” di Weimar, alla Carnegie Hall e alla Avery Fischer Hall di New York, al Kennedy Center di Washington, ai Festival di Lucerna e di Bonn e nei teatri di Vienna, Zurigo, Basilea, Ginevra, Colonia, Amburgo, Barcellona, Aix-en-Provence e Budapest. Per i suoi meriti artistici la Cappella Andrea Barca nel gennaio di quest’anno ha ricevuto la medaglia d’oro intitolata a Mozart da parte della Fondazione Internazionale Mozarteum di Salisburgo.

Il Festival “Omaggio a Palladio” è realizzato con il contributo di due fondazioni estere sorte appositamente – la Freunde und Förderer der Cappella Andrea Barca e. V. e la Stiftung pro Cappella Andrea Barca – e di una serie di aziende del territorio, nonché grazie alla collaborazione del Comune di Vicenza e di altri Enti Istituzionali come Regione del Veneto, Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Fondazione Cariverona.

I biglietti sono esauriti. Ci si può tuttavia inserire nella lista d’attesa approntata dalla Società del Quartetto di Vicenza inviando una mail a gro.a1566597143zneci1566597143votte1566597143trauq1566597143@ofni1566597143.

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami