Quel somaro di Padre Martini. Sul divieto delle quinte e ottave parallele

Padre Martini non sapeva il contrappunto, oppure non l’aveva studiato sugli stessi manuali di Bianchini e Trombetta. Nell’esempio 1: quinte parallele (Sinfonia a 4 con violini e trombe, 1737, secondo movimento). Nell’esempio 2: ottave parallele (Sinfonia a 4, ancora secondo movimento, 1754). Non saranno per caso errori del copista? No, perché ambedue le sinfonie ci sono pervenute in ben ordinati manoscritti autografi. Adesso è tutto chiaro: gli “errori” di Mozart derivano dalle cattive lezioni di composizione impartitegli dal dotto francescano bolognese. Spiegazione meno cervellotica: una cosa sono i brani in “contrappunto osservato”, un’altra quelli in “stile moderno”: prevalentemente omofonico, più libero ed espressivo. Due linguaggi diversi con regole diverse; Padre Martini lo sapeva, non così i Beckmesserini della scuola di musicobugia sondriese. Per loro il divieto di quinte e ottave parallele è un dogma di fede, infrangerlo un peccato mortale a prescindere. Vade retro, Satana!

Altra scenetta dagli anni di apprendistato. Nel tardo pomeriggio del 15 marzo 1770, dopo un faticoso viaggio in carrozza, Leopold e Wolfgang scendono a un albergo di Lodi. Cena e riposo in letto? No, il piccolo scrive subito un quartetto (KV 80) premurandosi di firmarlo e datarlo con esattezza “alle 7. di sera”. Bianchini e Trombetta erano presenti, sanno come è andata davvero e ce lo raccontano (La caduta degli dei, tomo II, pp. 69-72): Leopold stende la musica in brutta copia, Wolfie la trascrive, il padre aggiunge di sua mano le ultime correzioni. Voilà, il gioco è fatto . Benissimo, ma questo padre mistificatore non si è nemmeno accorto che il finale in rondò include delle bellissime quinte parallele fra la parte di violoncello e i violini primi? Asino il figlio e doppio asino il padre; sempre secondo B&T, che poi aggravano l’atto d’accusa muovendo guerra contro anonimi mulini a vento: “L’ultimo movimento di Rondò-Cotraddanza [recte: Contraddanza, ndr], scritto su carta diversa, si dice [chi lo dice? ndr] sia stato composto anni dopo forse a Salisburgo. Alcuni studiosi [quali? ndr] propongono, senza prove convincenti, il 1773”. Donde, con impeccabile logica dissociativa: “Si vede quanto ancora sia carente la formazione musicale di Papà Leopold e del giovane figlio nel 1773 [sic]”. Improvvisamente le prove sono diventate “convincenti”. Parafrasando il duca di Wellington, chi crede a questa gente può credere a qualunque cosa.

A loro aveva già risposto Arcangelo Corelli, accusato di aver stampato alcune “quinte seguite” nella Sonata n. 3 dell’Op. II: “[…] da ciò comprendo benissimo il loro sapere, che si stende poco più oltre de primi principij della Compositione, e Modulatione armonica, poichè se fossero passati più auanti nell’arte, e sapessero la finezza e profondità di essa, e che cosa sia Armonia, et in che modo possa dilettare, e solleuare la mente humana, non haurebbero tali scrupoli, che nascono ordinariamente dall’ignoranza”. Touché!
Carlo Vitali

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami