Articoli

Appuntamento estivo sul Baltico per l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia – diretta da Antonio Pappano – che sarà ospite l’8 agosto al Baltic Musical Season a Jūrmala, città considerata la perla della costa per le iniziative musicali e culturali che la animano.

Finalmente, dopo due deludenti nuove produzioni, La casa di morti e Carmen, la Royal Opera House ha raccolto larghi consensi riproponendo un fortunato allestimento di Macbeth rappresentato per la prima volta nel 2002. L’attuale produzione, già messa in scena nel 2006 e nel 2011, è stata brillantemente ripresa da Daniel Dooner.

Due prestigiosi Direttori – Antonio Pappano e Mikko Franck – legati all’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, sono presenti nella programmazione di queste settimane alla guida dei Berliner Philharmoniker.

Auguri in musica quelli che Antonio Pappano rivolgerà al pubblico prima delle festività natalizie. Due gli eccezionali appuntamenti (20 e 22 dicembre, Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia ore 20.30) per gli appassionati di lirica e non solo, con due dei tenori che attualmente trionfano sui palcoscenici di tutto il mondo: giovani, aitanti ma soprattutto bravissimi,

L’eccezionale cast prevedeva Joyce DiDonato nei panni della regina Semiramide, Daniela Barcellona in quelli del guerriero eroe Arsace, Lawrence Brownlee in quello del re indiano Idreno e Michele Pertusi nei panni del principe Assur.

A una settimana dall’apertura della stagione sinfonica Antonio Pappano dirige l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia in uno dei capolavori sinfonici di Gustav Mahler, la Sinfonia n. 6 “Tragica” (Auditorium Parco della Musica, Sala Santa Cecilia giovedì 12 ottobre ore 19.30 repliche sabato 14 ore 18 e lunedì 16 ore 20.30).

Lo spettacolo di Richard Jones è funzionale, efficace, gradevole a vedersi, ma non pienamente convincente. Non è una Bohème didascalicamente tradizionale, ma non è nemmeno una Bohème originale, in grado di offrire qualche spunto autenticamente nuovo.