Articoli

La scelta dell’edizione Zero del neonato Festival Toscanini è quella intrigante della riproposizione di impaginati cari al dedicatario, tra grande repertorio e musica in certa qual maniera oggi poco frequentata ove non dimenticata.

Auditorium_Paganini

Per il concerto anteprima – con l’auditorium Paganini riempito al massimo della capienza consentita che finalmente si aggiungeva agli spettatori dello streaming – Michele Mariotti, sul podio della Filarmonica Toscanini tanto emozionata quanto entusiata, ha proposto un programma in cui si confrontavano due degli autori favoriti del dedicatario del festival, Martucci e Brahams con una scelta di tre impaginati tra di loro legati da un filo tutt’altro che nascosto.