Articoli

Alla vigilia del nuovo anno il Teatro Comunale di Bologna offre l’opportunità di vivere una serata festosa e divertente con il balletto in due atti Cenerentola, ispirato alla celeberrima fiaba di Charles Perrault e su musiche di Gioachino Rossini secondo l’originale versione del coreografo Giorgio Madia e con i danzatori del Balletto di Milano, in scena dal 28 al 31 dicembre.

Nel quinto anno dalla scomparsa del maestro Abbado, il Teatro alla Scala ripresenta lo storico e intramontabile allestimento della Cenerentola, qui ripreso da Grischa Asagaroff, che, nonostante l’età, mantiene ancora intatto quel sottile e squisito equilibrio fra i contenuti giocosi ed elegiaci del dramma.  

L’Italia si proclama a gran voce, spesso un po’ cialtronescamente, “Patria dell’Opera” ma, alla prova dei fatti l’Educazione Musicale è materia scolastica reietta tra le reiette, ridotta nella maggior parte dei casi all’orrida pratica del piffero di plastica, più utile come corpo contundente che non come strumento.
La musica è la Cenerentola dei programmi scolastici, svilita quando non umiliata, ma in alcuni illuminati casi riesce ancora a dimostrare quale formidabile strumento di educazione sia, grazie ad insegnanti capaci e appassionati e al supporto di istituzioni culturali lungimiranti.