Articoli

Scala_Milano

È Macbeth, affidata al terzetto CHailly-Livermore-Falaschi, l’opera scelta per l’inaugurazione di stagione.

Opera_di_Roma

Nell’emergenza, la musica in Italia è rimasta viva. Più che altrove. La maggior parte dei musicisti e delle istituzioni ha saputo reiventarsi. Ha lavorato (e fatto lavorare). Ha escogitato sistemi per rimanere accanto al pubblico e non venire meno al proprio ruolo sociale e di presidio culturale

Non per caso, invece, il momento più convincente dello spettacolo – ovvero del film – si ha nella prima parte del secondo atto, che poi è il cuore drammaturgico-musicale dell’opera, con il duetto fra Germont e Violetta.

Opera_di_Roma

Mettere in scena un’opera, oggi, nei teatri deserti per virus, offre ai registi un ventaglio di soluzioni di inedita ampiezza. A patto di accettare la sfida dei condizionamenti, naturalmente, e di farne l’occasione per mettere a fuoco una diversa creatività, forse perfino nuovi linguaggi. È quello che avviene nel Barbiere di Siviglia dell’Opera di Roma […]

Se la storica produzione di Leonid Baratov, approdata alla Scala nel 1998, aveva il fascino di quei libri ricoperti di polvere secolare, la nuova edizione di Chovanščina, per la regia di Mario Martone, pare emergere dalle macerie.

Il capolavoro di Musorgskij, torna al Piermarini per un’opera Valery Gergiev. Mario Martone firma il nuovo allestimento con scene di Margherita Palli. A un grande cast di specialisti si aggiunge il Coro scaligero diretto da Bruno Casoni