Articoli

Se la storica produzione di Leonid Baratov, approdata alla Scala nel 1998, aveva il fascino di quei libri ricoperti di polvere secolare, la nuova edizione di Chovanščina, per la regia di Mario Martone, pare emergere dalle macerie.

Il capolavoro di Musorgskij, torna al Piermarini per un’opera Valery Gergiev. Mario Martone firma il nuovo allestimento con scene di Margherita Palli. A un grande cast di specialisti si aggiunge il Coro scaligero diretto da Bruno Casoni