Articoli

Fedeli alla preziosa eredità culturale del loro fondatore e mentore, il violinista Giovanni Guglielmo, i musicisti dell’Ensemble Musagète continuano a proporre a Vicenza una visione della musica che rifiuta gli steccati e si fa un dovere di guardare “oltre”.

Vent’anni dopo, ancora e sempre Arcangelo Corelli. I Musicali Affetti celebrano il loro bell’anniversario tondo ritornando nello storico palazzo vicentino da cui presero le mosse all’inizio dell’estate del 1999.

Era una sera di Carnevale del 1624, quando a Venezia i nobili convenuti nel palazzo della potente famiglia Mocenigo a San Stae furono testimoni, “per passatempo di veglia”, della prima esecuzione assoluta del Combattimento di Tancredi e Clorinda di Claudio Monteverdi.

Il programma, dal titolo “Nel nome di Bach” era inserito nel contesto della rassegna Pomeriggio tra le Muse, a sua volta titolata “Affinità elettive” in onore al romanzo di Goethe.