Trieste, le stelle del musical al Rossetti

Ci sono stagioni che nascono sotto una buona stella, altre, come quella del Rossetti, che nascono piene di stelle. Stelle del musical, internazionali, si esibiranno su uno dei palcoscenici che ha spesso dimostrato un feeling con il genere. Cinque grandi serate, per un Atto primo di stagione, che parte davvero in modo sbalorditivo. Verrebbe da chiedersi come sarà l’atto secondo, ma al momento invece si deve procedere con le prenotazioni dei posti, che saranno ovviamente ridotti in rispetto delle normative per il contenimento del Covid-19.

Ma chi sono le star che arriveranno?

Il primo concerto si intitola “La fuga delle voci” e riporta in Italia,il 15 ottobre, una cinquina di artisti che hanno intrapreso una carriera molto fortunata all’estero. Tutti giovani, talentuosi, italianissimi, che sono ormai dei beniamini del pubblico tedesco ma non solo. È infatti ormai una star anche in Austria e in Inghilterra, Filippo Strocchi, che condividerà questa avventura con Gian Marco Schiaretti, Veronica Appeddu, Laura Panzeri, Gianluca Sticotti, presentati da Davide Calabrese. Tutti condividono curricola invidiabili e una grande versatilità.

Il 29 ottobre dalla Germania arriva un nome ormai storico: Thomas Borchert. Per lui essere protagonista è la regola, mai l’eccezione. Pensate a un grande musical… lui lo ha fatto. I Miserabili? Era Jean Valjean. Il Fantasma dell’Opera? Era il Fantasma. Il Rocky Horror Show? Ovviamente Fank’n’ Furter. E, come da partitura, è stato sia Jeckyll che Hyde. La lista potrebbe continuare a lungo, ma basti dire che Frank Wildhorn ha composto solo per la sua voce alcuni brani, e che lui stesso si diletta a scrivere delle canzoni al pianoforte. Ecco quindi spiegato il titolo “The piano man” del suo appuntamento. Il suo nome in cartellone a Vienna o altrove è sempre sinonimo di “sold out”.

Il 5 novembre assisteremo a una West End Session. Formula molto interessante che da anni ormai vede Daniel Koek duettare con altri amici che solitamente lavorano in West End. Partiamo dall’inizio: Daniel a Trieste è arrivato con Chess, e interpetando Anatoly. Ogni sera, a fine primo atto, intonando Anthem toglieva il fiato al pubblico. Successivamente è stato Jean Valjean in West End, indimenticabile, per la sua grande voce. No, non sarà solo a Trieste. Per l’occasione porterà con sè Kerry Ellis. Quella che ha fatto Wicked, We Will Rock You e che ama andare in tour con Bryan May dei Queen. Esattamente quella Kerry Ellis, capace a sua volta di riempire gli enormi teatri inglesi.

Segue, il 20 novembre “Music All” con Giò Di Tonno, cantante, interprete molto amato in Italia, che in questa occasione si dedicherà alle colonne sonore che porta nel cuore, lasciando uno spazio per Notre Dame De Paris, in cui è lo storico Quasimodo, e Jeckyll&Hyde, il musical che lui ha interpretato qualche anno fa.

Il 3 dicembre arriverà invece Earl Carpenter. Storico Phantom nel Phantom of the Opera nonchè amatissimo Javert nei Miserabili, lui arriverà a trieste con “A touch of West End” accompagnato da una violoncellista come Yvonne Marie Parsons.

In una stagione in cui sembrava impossibile, il musical fa capolino conquistando direttamente la scena.

Sara Del Sal

0 0 vote
Vota l'articolo
Iscriviti
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments