Venezia: l’Ensemble vocale Spirito confronta Monteverdi e Cresta

Non sempre gli accostamenti riescono, anche se animati dalle migliori intenzioni; è questo il caso della “strana coppia” Monteverdi-Cresta, proposta dalla Biennale Musica 2019 al Teatro Goldoni.

L’idea, niente affatto malvagia di per sé, era quella di confrontare un capolavoro monteverdiano come la Missa da cappella a sei voci, fatta sopra il motetto “In illo tempore” del Gomberti per sei voci e organo positivo – che vide la sua prima nel 1610 nella Basilica ducale di Santa Barbara a Mantova – con De l’infinito per sei voci ed elettronica di Gianvincenzo Cresta qui alla sua prima esecuzione assoluta.

Il filo che unisce le due pagine è l’uso delle voci accostate a strumenti – naturali nel caso di Monteverdi e segnatamente viole da gamba, artificiali nel lavoro di Cresta che impiega l’elettronica – in un confronto che dovrebbe travalicare il tempo mettendo in risalto punti di contatto e diversità tra concezioni compositive; gli esiti sono impari.

All’Ensemble vocale Spirito, diretto con splendida immedesimazione da Nicole Corti, il compito di rappresentare le due istanze.

La Messa monteverdiana è un capolavoro di invenzioni contrappuntistiche che si manifestano sin dal Kyrie per sbocciare nel rigoglio del Gloria e del Credo, ove l’invenzione melodica trasuda della sensualità propria di ogni composizione del Cremonese, qui sublimata in un’estatica misticità.

Con le viole da gamba dei Ferrabosco a fare da raddoppio delle voci in una perfetta unità d’intenti, e Gaetano Magarelli all’organo, ne risulta una narrazione che non cala mai di tensione e mai perde il filo del rigore, il tutto in una sorprendente varietà dinamica.

L’elettronica, cui è preposto Francesco Abbrescia, subentra agli archi e l’ensemble vocale, opportunamente dotato di microfoni, dà mano a De l’infinito di Cresta.

La composizione dura trenta minuti, ma già al decimo diventa un serpente che si morde la coda; la ripetitività dei lemmi musicali chiamati a sostenere un testo scarno tratto da “De l’infinito Universo e Mondi” di Giordano Bruno riduce tutto ad una piattezza esangue.

L’elemento elettronico sembra più giustapposto che non integrato, finendo per risultare parte a sé stante.

Alla fine la modernità incontrovertibile di Monteverdi ha facilmente la meglio su quella ricercata e non trovata di Cresta.

Applausi per gli esecutori.

Alessandro Cammarano
(2 ottobre 2019)

La locandina

DirettoreNicole Corti
Ensemble vocale Spirito
Concerto delle viole I Ferrabosco
OrganoGaetano Magarelli
Ingegnere del suonoFrancesco Abbrescia
Programma:
Claudio MonteverdiMissa da cappella a sei voci, fatta sopra il motetto “In illo tempore” del Gomberti per sei voci e organo positivo
Gianvincenzo CrestaDe l’infinito per sei voci ed elettronica prima es. ass.

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami