Ventennale della Venice Baroque Orchestra al Teatro Olimpico

Fondata nel 1997 da Andrea Marcon, la Venice Baroque Orchestra è uno dei complessi italiani più acclamati all’estero. Venerdì 1 settembre si esibisce al Teatro Olimpico di Vicenza per festeggiare i 20 di attività con un programma tutto dedicato a Georg Friedrich Händel e la partecipazione straordinaria del mezzo-soprano Magdalena Kožená.

Andrea Marcon e la Venice Baroque Orchestra hanno scelto il Teatro Olimpico di Vicenza per festeggiare – venerdì 1 settembre – il ventesimo anniversario di un’onorata attività concertistica e discografica iniziata nel 1997 dall’incontro fra il direttore d’orchestra trevigiano e l’Accademia di San Rocco. L’ambizioso progetto “Orchestra Barocca di Venezia” metteva insieme un gruppo di esecutori specializzati nella musica antica (proposta su strumenti originali) con l’idea di esplorare il repertorio italiano del Settecento, in particolare di scuola veneta, ma anche di riscoprire il patrimonio operistico barocco. Sotto la sapiente guida di Marcon il gruppo non ci ha impiegato molto a farsi apprezzare, soprattutto in ambito internazionale; di qui la scelta di preferire la versione inglese del nome, con il quale oggi è conosciuto in tutto il mondo.

Scorrendo le note biografiche della Venice Baroque Orchestra sorprende il numero delle prestigiose sale da concerto che hanno ospitato i suoi concerti: la Royal Albert Hall di Londra (per i BBC Proms), il Théâtre des Champs Élysées di Parigi, la Konzerthaus di Berlino, il Concertgebouw di Amsterdam, il Musikverein e la Konzerthaus di Vienna, la Carnegie Hall e il Lincoln Center di New York, la Tokyo Opera City e la Tchaikovski Concert Hall di Mosca sono solo alcune di un lunghissimo elenco. Difficile trovare una formazione cameristica italiana che in soli 20 anni sia riuscita a conquistare il pubblico esigente che frequenta abitualmente questi autentici templi della musica. Un successo confermato anche dall’attività discografica dell’ensemble “made in Veneto” non solo per il prestigio delle etichette per le quali ha inciso (Sony Classical, Deutsche Gramophon-Archiv, Erato e Naïve), ma soprattutto per il numero di premi e riconoscimenti ottenuti dalla critica internazionale: quattro Diapason d’Or, un Gramophone, uno Choc de l’année de le Monde de la Musique (nel 2001), due Echo Preis (nel 2002 e 2003), un Edison Klassiek Award (2007) e una nomination ai Grammy Awards nel 2015.

In questa stagione del ventennale – che culmina con il concerto di venerdì sera al Teatro Olimpico – la Venice Baroque Orchestra ha portato la Juditha Triumphans di Vivaldi alla Carnegie Hall, al Barbican Centre di Londra e al Palais des Beaux-Arts di Bruxelles, ha suonato con Viktoria Mullova a Vienna e Budapest, è stata in tour negli USA, in Canada, in Giappone e ha tenuto vari concerti in Europa.

Per il concerto vicentino che celebra i 20 anni di attività (e che sarà replicato a Bucarest e a Trier in Germania) Andrea Marcon ha voluto al suo fianco un ospite d’eccezione come il mezzo-soprano Magdalena Kožená, una delle voci più amate dal pubblico internazionale, soprattutto per quanto riguarda il repertorio barocco. Originaria di Brno in Moravia, nel 1999 la cantante ceca ha firmato un contratto con Deutsche Grammophon (per la quale ha finora registrato una trentina di album) e da allora è protagonista di una carriera ai vertici, sia in recital che nel repertorio operistico. Fra le prestigiose bacchette della nostra epoca che l’hanno diretta nei maggiori teatri europei e americani ci sono i nomi di Claudio Abbado, Pierre Boulez, Gustavo Dudamel, Sir John Eliot Gardiner, Nikolaus Harnoncourt, James Levine, Sir Charles Mackerras e Sir Roger Norrington. Dal 2008 è sposata con Sir Simon Rattle, dal quale ha avuto tre figli.

Il programma della serata è interamente dedicato a Georg Friedrich Händel, autore assai prolifico i cui meriti vanno ben al di là del Messiah e dei 33 sublimi Oratori. Della sua vasta produzione orchestrale il complesso diretto da Andrea Marcon propone tre Concerti Grossi (n. 2 op. 3, n. 1 e 4 op. 6) e l’Ouverture da “Ariodante”, mentre Magdalena Kožená sarà impegnata in una selezione di otto arie tratte da celebri opere come “Alcina”, “Agrippina”, “Rinaldo”, “Giulio Cesare in Egitto” e “Ariodante”.

Società del Quartetto di Vicenza

Anteprima alla stagione concertistica 2017/18. Inizio spettacolo ore 20,30.

Biglietti  ancora in vendita presso la sede del Quartetto (Vicolo Cieco Retrone, 24 – tel. 0444 543729) e online www.tcvi.it.

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami