Vienna: Bodyguard, musical per palati fini

Uno sparo. Basta questo a fare saltare il pubblico che ancora cercava di sistemarsi sulle poltrone del Ronacher. Parte così Bodyguard, il musical tratto dal film con Whitney Houston e Kevin Costner, già un successo in Inghilterra e approdato da settembre anche a Vienna. Un giallo dai toni rosa con le musiche, indimenticabili,  della stessa Houston.

Al suo debutto Londinese lo spettacolo ha saputo accontentare un pubblico molto esigente, e anche a Vienna sta riuscendo a stupire. Il passaggio dal cinema al palco è stato studiato con cura in modo da non rendere la storia banale, e offrendo agli spettatori la chance di appassionarsi a ciò che stanno guardando. Regia, scene e costumi sono gli stessi inglesi, il format è lo stesso, perciò il regista associato Frank Thompson ha potuto cambiare di poco uno spettacolo che,di fatto, non ne aveva bisogno.

La storia, per chi non la ricordasse, è quella di Frank Farmer, bodyguard di professione, che viene chiamato per un caso molto delicato, riguardante una cantante famosa. Rachel Marron è infatti finita nel mirino di uno squilibrato che individua in lei un dolore che lui stesso dice di provare. Con una serie di appuntamenti molto importanti, concerti, e la cerimonia degli Oscar in arrivo, Rachel non può permettersi di saltare nulla, mentre Frank cerca di capire chi la minaccia e perché. Frank è un uomo di poche parole, che non accetta di buon grado di trovarsi a contatto con lo star system. Nonostante il suo rifiuto iniziale,  quando scopre che Rachel ha un figlio, decide di agire e di proteggerla. Lo farà, ma rimettendoci il cuore e Nicki, la sorella della star.

Jo Weil, un attore di prosa, è Frank. Rigido, preciso e affidabile, è forse solo troppo impegnato nella scena in cui deve cantare al Karaoke “I will always love you”. Fatica a sembrare stonato, e si lascia troppo prendere dalla melodia per recitarne le parole.

Trovare Terthia Botha nel ruolo di Rachel, al posto di Patricia Medden, non è stato molto piacevole. La Botha, che è la sostituta, non è molto dotata come attrice e risulta quindi da subito non all’altezza del ruolo, soprattutto perché compie la scelta di aprire cantando le prime canzoni distrattamente, e solo durante lo spettacolo talvolta si ricorda che dovrebbe anche interpretarle.

Lacune che risultano ancora più evidenti alla presenza di Ana Milva Gomes che interpreta,  e in questo caso il verbo è più che appropriato, Nicki Marron, la sorella della star. La Gomes, che sui palcoscenici Viennesi ha sempre dimostrato un grande talento oltre che una grandissima disponibilità a mettersi in gioco, in questo spettacolo, fa la differenza. Il resto del cast è di livello, e fa piacere, in un contesto molto esclusivo, come è quello viennese, trovare nel ruolo di Tony Scibelli Nicolas Tenerani. Non è l’unico italiano nel cast. Anche Marina Maniglio condivide questa avventura all’estero, e si fa notare tra i tanti talentuosi performer e ballerini.

Un’avventura appassionante e piena di effetti speciali. Bodyguard è uno spettacolo che offre tanto da tutti i punti di vista, e che non lascia mai spazio alla noia. È un susseguirsi di canzoni, costumi, scene, ed emozioni, così incalzante che è difficile restare distaccati.

Fino a giugno, Bodyguard sarà in scena al Teatro Ronacher, nel cuore della città, e la standing ovation del pubblico ad ogni replica è la dimostrazione immediata di come la classicità che contraddistingue la capitale austriaca possa lasciare spazio anche alla modernità, e, quando è di qualità, premiarla.

Sarah Dal Sal
(16 marzo 2019)

La locandina

DirettorePeter Birò
RegiaThea Sharrock
ripresa daFrank Thompson
Personaggi e intrepreti
Rachel Marron Tertia Botha
Frank FarmerJo Weil
Nicki MarronAna Milva Gomes
Bill DevaneyMartin Muliar
Sy SpectorAndreas Kammerzelt.
Stalker Maximilian A.Ortner
Tony ScibelliNicolas Tenerani

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami