Verona: l’eco del passato nella Carmen scaligera

All’Arena di Verona la 99°edizione del Festival omonimo si apre con il secondo titolo più rappresentato nel corso degli anni: Carmen di Georges Bizet.

Una ricerca di facile riscontro di pubblico confermata anche dalla scelta dell’allestimento che rispolvera, per l’ennesima volta,  l’allestimento “monstre” di Franco Zeffirelli datato 1995.

Nonostante l’immenso piacere di rivedere finalmente la cornice veronese nel pieno del suo fasto, drappi e fondali acquarellati richiamano alla mente pensieri polverosi in netto contrasto con l’elevata digitalizzazione promossa/imposta dall’emergenza sanitaria.

Globalmente si ha la sensazione di una ripresa poco curata soprattutto nei movimenti delle masse che perdono quelle interessanti dinamiche di “teatro nel teatro” tipiche del lavoro Zeffirelliano. Ne consegue una folla pittoresca ma di difficile lettura che aiuta ad immedesimarsi nel contesto ispanico, anche grazie agli sempre splendidi costumi di Anna Anni, senza facilitare la lettura dell’opera.

Buone le luci di Paolo Mazzon il cui progetto aiuta a scandire il susseguirsi dei quadri alternando intimità e coralità a bluastre notti e aranciati tramonti.

Allietano e trasportano il pubblico, soprattutto nell’intermezzo tra terzo e quarto atto, le coreografie del rodigino d’origine El Camborio riprese dalla moglie Lucia Real e interpretate splendidamente dal Corpo di ballo della Fondazione Arena e dalla Compañia Antonio Gades diretta da Stella Arauzo.

La calda serata di giugno però si raffredda sul palco. Manca infatti la chimica sensuale che la musica lascia trasparire tra i due protagonisti impersonati da Clémentine Margaine e Brian Jagde. Carmen è dotata di un potente strumento dal timbro molto piacevole da cui si lascia però sopraffare, sbilanciando l’emissione in predilezione dei centri indebolendo il fraseggio e limitandone l’agilità. Il Don José di di Jagde dotato anch’esso di un pregevole colore risulta a tratti freddo ed è caratterizzato da un’emissione non sempre controllata, finendo – per troppo impeto – a trasmettere una tutt’altro che gradevole sensazione di forzatura.

La Micaela di Karen Gardeazabal mostra il meglio di sé nel terzo atto cesellando con la sua voce, caratterizzata da una linea di canto pulita e ben poggiata, un piacevole ricordo per questa serata.

Travolgente ed energico è l’Escamillo di Luca Micheletti pienamente a suo agio nel ruolo con la sua voce rotonda e sufficientemente proiettata, da lustro al personaggio da lui interpretato.

Completano con onore il cast la Frasquita di Daniela Cappiello, Mercedes di Sofia Koberidze, il Biagio Pizzuti nei panni del brigadiere Morales, il luogotenente Zuniga di Gabriele Sagona, Dancario di Nicolò Ceriani e dall’inossidabile Carlo Bosi nei panni di Remendado.

Marco Armiliato dirige l’Orchestra della Fondazione Arena di Verona costruendo con buone agogiche e attente intuizioni un buon rapporto tra buca e palco.

In gran spolvero  il Coro, diretto da Ulisse Trabacchin, affiancato dalle intonate voci bianche del Coro A.LI.VE diretto da Gaetano Petrosino.

Una serata nel complesso piacevole in una Arena gremitissima che ha riservato trasportati applausi per tutti in particolar modo per ballerini, Micaela, Don José e Armilliato.

Matteo Pozzato
17 giugno 2022

La locandina

DirettoreMarco Armiliato
Regia e SceneFranco Zeffirelli
CostumiAnna Anni
CoreografiaEl Camborio ripresa da Lucia Real
Personaggi e Interpreti:
CarmenClémentine Margaine
MicaelaKaren Gardeazabal
FrasquitaDaniela Cappiello
MercedesSofia Koberidze
Don JoséBrian Jagde
EscamilloLuca Micheletti
DancairoNicolò Ceriani
RemendadoCarlo Bosi
ZunigaGabriele Sagona
MoralesBiagio Pizzuti
Orchestra, Coro, Ballo e Tecnici della Fondazione Arena di Verona
Maestro del CoroUlisse Trabacchin
Coordinatore del BalloGaetano Petrosino
Coro di Voci bianche A.LI.VE. diretto da Paolo Facincani 
Con la partecipazione straordinaria della Compañia Antonio Gades
Direttore ArtisticoStella Arauzo

0 0 voti
Vota l'articolo
Iscriviti
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti