News

Recensiti per voi

Bruno Canino

CD: “Nino Rota”, il camerista

Ne è prova lampante il bel CD “Nino Rota” che la Decca ha pubblicato lo scorso febbraio e in cui sono contenute pagine illuminanti del Rota cameristico, affidate ad un ensemble di assoluto livello, formato da Alessio Bidoli, violinista milanese, dal flautista Massimo Mercelli, da Nicoletta Sanzin all’arpa e da quel ragazzaccio di Bruno Canino che sovrintende al pianoforte.
Bruno Canino

CD: “Nino Rota”, il camerista

Ne è prova lampante il bel CD “Nino Rota” che la Decca ha pubblicato lo scorso febbraio e in cui sono contenute pagine illuminanti del Rota cameristico, affidate ad un ensemble di assoluto livello, formato da Alessio Bidoli, violinista milanese, dal flautista Massimo Mercelli, da Nicoletta Sanzin all’arpa e da quel ragazzaccio di Bruno Canino che sovrintende al pianoforte.
MET

New York: Agrippina 1 Violetta 0

Tutto è nato da una grande curiosità, forse troppo da “addetta ai lavori”: come faranno a riempire ogni sera gli oltre 3500 posti del MET con un titolo come Agrippina di Händel?
Giacomo Puccini

Antonio Orlandini: La bacchetta di Puccini

S’intitola La bacchetta di Puccini l’imponente volume che Antonio Orlandini, storico della musica di Cento, in provincia di Ferrara, dedica a Gaetano Bavagnoli (Parma, 1879–Milano, 1933).

Interviste e Approfondimenti

Primedonne

Donne in musica. Storia di trilli e di coltelli

Alla romana Anna Maria Sardelli le fonti di metà Seicento regalano alternativamente gli appellativi di "virtuosissima cantatrice" e "puttana", cui nella liberale e libertina Venezia durante le stagioni d'opera 1651 e 1652 si aggiunsero nell'ordine: una feroce satira dell'avvocato-librettista Gianfrancesco Busenello, un'archibugiata, due stilettate inferte da ignoti sicari.
Primedonne

Donne in musica. Storia di trilli e di coltelli

Alla romana Anna Maria Sardelli le fonti di metà Seicento regalano alternativamente gli appellativi di "virtuosissima cantatrice" e "puttana", cui nella liberale e libertina Venezia durante le stagioni d'opera 1651 e 1652 si aggiunsero nell'ordine: una feroce satira dell'avvocato-librettista Gianfrancesco Busenello, un'archibugiata, due stilettate inferte da ignoti sicari.
Anagoor

Simone Derai: Anagoor e il Teatro come luogo della mente

In questi giorni di emergenza, in cui i  teatri purtroppo tacciono, abbiamo raggiunto –virtualmente – Simone Derai, autore, regista e nel 2000 fondatore della Compagnia Anagoor che dirige con Marco Menegoni. Nel 2018 Anagoor ha ricevuto il Leone d’Argento per il Teatro alla Biennale di Venezia dopo essere stata premiata negli anni con numerosi riconoscimenti internazionali.