Recensioni dal Vivo (teatri e dintorni)

Macerata: l’Aida del Centenario e la natura violentata

,
La violenza alla Natura in nome del profitto; questo il punto di partenza dell’Aida – l’opera che inaugurò le stagioni liriche dello Sferisterio esattamente un secolo fa – secondo Valentina Carrasco.
Costanza_Principe

In questo caso l’oggetto del sovvertimento è la forma sonata che Beethoven prima e Šostakóvič poi riplasmano ponendola sotto una luce tanto poco canonica quanto – e massimamente per questo – intrigante.

uasi esattamente a un anno di distanza, il 10 luglio scorso, è andata in scena alla Rocca Brancaleone la nuova proposta di Cipriani, sempre con la consulenza di Fournier Facio: lo spettacolo Stravinsky’s love, un omaggio al compositore russo nel cinquantesimo anniversario della morte.

Il concerto, che ha avuto grande successo, si è tenuto nella basilica di Sant’Apollinare in Classe, dove già nel 2018 si era concluso l’omaggio di tre giorni che quell’anno il Festival aveva dedicato a Silvestrov.