Tag Archivio per: Arena di Verona

All’Arena di Verona la 99°edizione del Festival omonimo si apre con il secondo titolo più rappresentato nel corso degli anni: Carmen di Georges Bizet.

Una ricerca di facile riscontro di pubblico confermata anche dalla scelta dell’allestimento che rispolvera, per l’ennesima volta,  l’allestimento “monstre” di Franco Zeffirelli datato 1995.

Ancora una decina di anni fa, nonostante fosse ormai vicino ai 90, poteva capitare di incrociarlo in Arena nelle lunghe notti delle prove della “sua” Aida, indifferente alla stanchezza, attento a ogni particolare come se lo spettacolo che si montava fosse una recente novità e non un “greatest hit” già andato in scena ben più di un centinaio di volte.

Il 99° Arena di Verona Opera Festival presenta 46 serate, con gil immancabili allestimeti zeffirelliani e l’inossidabile Placido Domingo.

Ph.©_ENNEVI

L’abbinata tra il Segreto di Susanna e Suor Angelica appare più giustapposta che non organica […]

“Greatest hits” al teatro Filarmonico per il debutto veronese della direttrice d’orchestra Gianna Fratta nella stagione sinfonica di Fondazione Arena.

Giunta ormai alla settima replica per questo Opera Festival 2021, Aida di Giuseppe Verdi è titolo immancabile e sacro per l’Arena di Verona. Nel compromesso nato tra il protrarsi dell’emergenza sanitaria e la voglia di riappropriarsi della drammaturgia, siamo testimoni di un ridimensionamento fisico delle masse sceniche a cui eravamo solitamente abituati.

In un momento storico in cui l’arte e la creatività, in tutti i loro aspetti, sono tra i settori più compromessi in epoca post (?) CoVid, stiamo assistendo parallelamente all’indiscussa supremazia del nostro paese in moltissime discipline sportive.

Anna Netrebko non è la Turandot torrenziale che si ci si potrebbe aspettare – vista la potenza di fuoco di cui il soprano russo dispone – e che decenni di tradizione hanno consolidato nell’immaginario dei melomani, anzi.

Nel caso di questa Traviata, c’è un taglio generico-generalista, nel quale non lascia traccia degna di nota neanche la scelta di collocare la vicenda mentre sta sbocciando la Belle Époque […]

Sciopero in Arena, luci spente invece della rappresentazione di Aida prevista per giovedì 15 luglio. La decisione è stata presa unitariamente da tutte le sigle sindacali dei dipendenti della Fondazione.

In ogni caso, questi elementi visuali (realizzati da D-Wok) si sono misurati sempre con una presenza tutto sommato piuttosto ingombrante di elementi scenografici provenienti dal magazzino areniano, “egizi” in senso assai generico […]

Mentre si spegnevano gli applausi dopo il coro “Inneggiamo, il signor non è morto”, uno spettatore sulle gradinate ha fatto sentire con voce potente poche ma sentite parole: “Mandate via il drone”. E si è preso la sua dose di applausi

Ne è uscita un’Aida di forte connotazione sinfonica, che forse inevitabilmente – il tempo per le prove non basta mai, specialmente dentro all’anfiteatro – è andata mettendo a fuoco le sue caratteristiche man mano che la notte avanzava,

Per l’estate 2021 invece la Direzione Artistica ha elaborato un progetto straordinariamente innovativo e del tutto inedito per un’Arena mai vista che, in via del tutto eccezionale, avrà l’evocativo titolo di “Nel Cuore della Musica”.

Zanetto è insomma una “prova d’autore” che dimostra la volontà e la capacità del livornese di mantenere larghe le sue vedute drammaturgiche e musicali.