Articoli

Venezia: Al Palazzetto Bru Zane la riscoperta di Antoine Reicha fra Classicismo e Romanticismo

Una presentazione sapida e solo in apparenza leggera quella che Alexandre Dravitki e Rosa Giglio hanno dedicato ad Antoine Reicha (nato Antonin Rejcha) illustrando i concerti del ciclo “Antoine Reicha, musicista cosmopolita e visionario”, in programma a Venezia al Palazzetto Bru Zane e alla Scuola Grande di San Giovanni Evangelista (con un détour alle Sale Apollinee della Fenice) dal 23 settembre al 4 novembre.

,

Scuola Grande di San Giovanni Evangelista – “Votate per me!”

“Votez pour moi!” sussurra mellifluo il candidato di Destra, “Votez pour moi” gli fa eco, imperiosa, la candidata di Sinistra; in mezzo la Francia, in veste di Marianna un po’ dimessa, ubriacata dalle promesse elettorali dei due, ipnotizzata dall’uno e punzecchiata dall’altra.

Palazzetto Bru Zane: “Saint-Saëns in salotto”

Durante la Terza Repubblica il salotto, o meglio i salotti, divennero luogo imprescindibile per la diffusione della musica.

Palazzetto Bru Zane – Al via il Festival “Camille Saint-Saëns tra romanticismo e modernità”

Dal 24 settembre al 3 novembre 2016 il Palazzetto Bru Zane – Centre de musique romantique française di Venezia dedica un festival alla figura del compositore Camille Saint-Saëns (1835-1921).

Palazzetto BRU ZANE – La Stagione 2016-2017 tra Saint-Saëns e de La Tombelle.

L’ottava stagione del Palazzetto Bru Zane si affaccia sul palcoscenico di Venezia e di numerose altre città in Italia e nel mondo. Camille Saint-Saëns e Fernand de La Tombelle sono i due compositori protagonisti della stagione 2016-2017.

,

Palazzetto Bru Zane: “Godard e la mélodie”

Il festival “Benjamin Godard nei salotti parigini” si arricchisce di una nuova pagina, che illumina ulteriormente la figura del compositore e la innalza ad una considerazione che senza alcun dubbio merita.

,

Palazzetto Bru Zane: “Scene italiane e non solo…”

Quella di Benjamin Godard, della sua figura e soprattutto della sua musica, si conferma, di ascolto in ascolto, come una delle più felici tra le riscoperte del Palazzetto Bru Zane. Godard o “della serenità”, della gioia leggera ma mai vacua che traspare dalle sue composizioni, del suo anelito ad una freschezza che non viene mai meno, neppure nei passaggi di maggior drammaticità.

,

Palazzetto Bru Zane: Tra parole e canto

Benjamin Godard è una scoperta felice e ricca di spunti di riflessione.
Ancora una volta il Palazzetto Bru Zane punta il riflettore, o meglio in questo caso la luce più soffusa di un elaborato lampadario da salotto, su di un compositore del quale ci si innamora al primo ascolto.

,

Teatro Malibran: Les Chevaliers de la Table Ronde

Figlia delle riforme liberali del 1864, prima delle quali gravi limitazioni erano imposte ai teatri parigini minori, “Les chevaliers de la table ronde” rappresenta la prima grande opera buffa in tre atti di Louis Auguste Florimond Ronger detto Hervé.

,

Palazzetto Bru Zane: C’era una volta…

La Scuola Grande di San Giovanni Evangelista si presta nuovamente a cornice di una produzione del Palazzetto Bru Zane, dedicata a quel “meraviglioso” fiabesco legato a doppio filo al romanticismo francese.