Articoli

Roberto Abbado sul podio di Un ballo in maschera nel nuovo allestimento firmato da Graham Vick; Michele Mariotti dirige Simon Boccanegra in forma di concerto; Daniele Gatti sul podio della Messa da Requiem.

Auditorium_Paganini

Per il concerto anteprima – con l’auditorium Paganini riempito al massimo della capienza consentita che finalmente si aggiungeva agli spettatori dello streaming – Michele Mariotti, sul podio della Filarmonica Toscanini tanto emozionata quanto entusiata, ha proposto un programma in cui si confrontavano due degli autori favoriti del dedicatario del festival, Martucci e Brahams con una scelta di tre impaginati tra di loro legati da un filo tutt’altro che nascosto.

Opera_di_Roma

Dopo sei mesi il Teatro dell’Opera di Roma riapre le sue porte al pubblico con un concerto sinfonico diretto dal maestro Michele Mariotti interamente dedicato a Giuseppe Verdi.

Opéra_de_Paris

Inutile cercare in questa Aida l’armamentario di piramidi-sfingi-palme che tradizionalmente accompagna questo capolavoro, del resto ambientato secondo libretto proprio nel paese dei faraoni in un’antica e lontana epoca storica.

Per esempio, alla Bayerische Staatsoper di Monaco, il Falstaff che ha debuttato mercoledì sera in live streaming sembra procedere quasi interamente dentro a una logica tradizionale di opera ripresa sulla scena, sia pure nell’ambito di una narrazione registica non propriamente abituale.

Festival_Verdi

Il Leitmotiv di Ernani è la malinconia, la stessa che vent’anni dopo si ritroverà in Don Carlos, fin dalle prime note del preludio che suonano come una trenodia che percorre tutta l’opera a sottolineare il destino già scritto del protagonista:

Parco_Ducale_Parma

Vuol far brillare i cuori di “Scintille d’Opera” il Festival Verdi 2020 che dal 11 settembre al 10 ottobre 2020 celebrerà a Parma e a Busseto il suo ventesimo anniversario, uscendo dai teatri […]

Miah Persson

Un cielo plumbeo e un mare livido proiettati su uno schermo lungo tutto il palcoscenico, una spiaggia ferrosa  e a separarli un recinto di ferro al quale s’aggrappa, immobile, la massa di prigionieri troiani,  infreddoliti  nei loro piumini variopinti e disperati come i migranti che sbarcano dal Mediterraneo sulle nostre coste e che figurano in carne ed ossa come comparse selezionate fra i rifugiati della Comunità di Sant’Egidio per un programma di inserzione sociale.  

Abbiamo incontrato Michele Mariotti, direttore di questa seconda produzione di Idomeneo al Teatro Costanzi che segna il suo debutto a Roma.

Archiviata alla Bastille la classicissima Traviata secondo Benoît Jacquot, l’Opéra National di Parigi ripresenta il capolavoro verdiano su libretto di Francesco Maria Piave desunto da Dumas in un nuovo e “scandaloso” allestimento che ha da poco debuttato al Palais Garnier con grande successo di pubblico.