Gli appuntamenti della WebTv del Teatro Massimo dal 26 al 29 marzo

Ancora grande musica e la possibilità di rivedere o vedere per la prima volta i grandi e innovativi allestimenti proposti della Fondazione Teatro Massimo che da giorni ha aperto a tutti la fruizione del suo ricco patrimonio digitale. Dalla Turandot di Puccini (giovedì 26) diretta da Gabriele Ferro, nell’interpretazione futurista del collettivo russo AES+Fche ha fatto tanto discutere, al Macbeth di Verdi (venerdì 27) nell’interpretazione di Emma Dante, che cura una regia ricca di riferimenti alla cultura siciliana, con soldati e movenze da pupi siciliani e una foresta di Birnam punteggiata di fichidindia. Mentre (sabato 28) viene riproposto lo spettacolo di Rosario Tedesco Destinatario sconosciuto che a partire dal romanzo di Kathrine Kressmann Taylor, racconta la dissoluzione di un’amicizia e la persecuzione degli ebrei nella Germania nazista. Infine (domenica 28) un altro Shakespeare in musica, A Midsummer Night’s Dream, il capolavoro del compositore inglese Benjamin Britten, con Daniel Cohen sul podio e la regia di Paul Curran.

Il programma

Giovedì 26 marzo Turandot, l’ultima opera di Giacomo Puccini, rimasta incompiuta alla sua morte, che aveva inaugurato la stagione 2019 del Teatro Massimo. Sul podio c’è Gabriele Ferro, l’allestimento è quello visionario concepito dai video artisti russi di AES+F con il regista Fabio Cherstich, ambientando l’opera nella Cina del 2070. Protagonisti dell’opera che vede il contrapporsi tra uomo e donna sono l’imperiosa Turandot interpretata dal soprano Tatiana Melnychenko, il principe Calaf cui dà voce il tenore Brian Jagde e la tenera Liù affidata al soprano Valeria Sepe.

Venerdì 27 marzo Macbeth, la prima delle tre opere di Verdi ispirate a Shakespeare, è andata in scena per l’apertura della stagione 2017. In scena Anna Pirozzi nel ruolo dell’ambiziosa Lady, Giuseppe Altomare nei panni del protagonista, il basso Marko Mimica come Banco e il tenore Vincenzo Costanzo come Macduff. Orchestra e Coro del Teatro Massimo diretti da Gabriele Ferro, la regia è quella di Emma Dante, che propone un’ambientazione in un medioevo barbarico ma con tocchi di Sicilia, come i minacciosi cactus della foresta di Birnam.

Sabato 28 marzo Destinatario sconosciuto è uno spettacolo andato in scena il 27 gennaio 2020, in occasione della Giornata della memoria. Tratto dal romanzo epistolare di Katherine Kressmann-Taylor che già nel 1938 aveva raccontato la persecuzione degli ebrei nella Germania nazista, lo spettacolo di Rosario Tedesco, del quale è protagonista con Nicola Bortolotti, è accompagnato dalle musiche eseguite dal Coro di voci bianche del Teatro Massimo diretto da Salvatore Punturo.

Domenica 29 marzo Dopo Macbeth, un altro Shakespeare con A Midsummer Night’s Dream, il Sogno di una notte di mezz’estate del compositore inglese Benjamin Britten. Capolavoro del Novecento, l’opera è andata in scena nel 2017 con Daniel Cohen sul podio e la regia di Paul Curran, con l’Orchestra del Teatro Massimo e il Coro di voci bianche diretto da Salvatore Punturo. Nel cast Lawrence Zazzo (Oberon), Jennifer O’Loughlin (Tytania), Chris Darmanin (Puck), Zachary Altman (Bottom).

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami