Articoli

Il rapporto tra uomo e robot, ovvero tra essere senziente e macchina antropomorfa, è fonte di ispirazione letteraria sin da quando Karel Čapek coniò il termine “robota” – nel 1920 – per il suo dramma “R.U.R.”.