Articoli

Programma di assoluto e non ripetitivo fascino, dunque, per un appuntamento – il penultimo del festival – che aveva anche un altro motivo di particolare interesse, il debutto veronese dei suoi principali protagonisti, il direttore inglese Alpesh Chauhan, fresco di debutto con la storica orchestra romana, e il violoncellista spagnolo Pablo Ferrández.