Articoli

Dalle caligini estive della Begamasca alla sabbia e al sole di una spiaggia che somiglia tanto a quelle affollate e caciarone della Riviera Romagnola, tra palestrati e fintegiovani, bambini e ragazzette, coppie di anziani in perenne discussione, animaloni gonfiabili , schiuma e materassini dai colori improbabili

Era dal 1975 che la musica del Poliuto di Donizetti non risuonava sotto le volte del Gran Liceu di Barcellona. Allora protagonista fu il soprano Leyla Genger nel ruolo di Paolina con il tenore Amadeo Zambon, baritono lo spagnolo Vicente Sardinero, sotto la direzione dell’italiano Giuseppe Morelli, responsabile negli anni dell’immediato dopoguerra delle produzioni d’opera in radio dell’EIAR e il quel periodo negli anni’70, molto attivo nei teatri spagnoli.

La Donizetti Renaissance dell’omonima Fondazione bergamasca porta a casa un altro successo. Dopo centosettantanni anni di oblìo, la ripresa del Borgomastro di Saardam seduce il pubblico orobico.

Debutto parigino al Theatre des Champs Elysées il 12 settembre 2017 per Jessica Pratt nella Lucia di Lammermoor di Donizetti, ruolo che più le si congegna per dimostrate le sue qualità vocali e di interprete.  Data in forma di concerto con la direzione di Roberto Abbado a guida dell’Orchestre National d’Ile de France, la performance si inseriva nel panorama degli omaggi ai 40 anni dalla scomparsa di Maria Callas avvenuta il 15 settembre del 1977.