Articoli

Succede ad Alberto Triola che ha firmato dodici edizioni del festival presieduto da Franco Punzi

Gianluca Falaschi, costumista di vaglia qui al suo debutto alla regia, coglie con acume sia la matrice “domestica” della serenata – collocata da Metastasio in un “giardino di delizie presso Parigi” e dunque in un’Arcadia immaginaria che con la Terra Santa nulla ha a che vedere – sia l’astrattezza della musica.

Si presenta, simile ad una vestale, fasciata da un peplo color acquamarina che saggiamente non cambierà durante tutta la serata – un concerto non è una sfilata di moda – offrendo la sua arte fatta di tecnica e ricchezza di interpretazione in un programma tutt’altro che scontato.