Al Vicenza Opera Festival due concerti della Budapest Festival Orchestra

Domenica 25 e lunedì 26 ottobre Iván Fischer e la sua Budapest Festival Orchestra tornano al Teatro Olimpico di Vicenza, con un ottimo cast di cantanti, per una speciale edizione del Vicenza Opera Festival. Il concerto di domenica, dedicato a Paolo Marzotto, si potrà seguire gratuitamente su un maxischermo posto nel loggiato della Basilica palladiana. In programma  sinfonie di Haydn e Beethoven, il Canto della terra e Arianna a Nasso.

A pochi giorni dalla conferma di essere ancora una volta nell’esclusivo elenco delle 10 migliori orchestre del mondo – secondo la classifica stilata dall’autorevole BBC Music Magazine – la Budapest Festival Orchestra guidata da Iván Fischer torna al Teatro Olimpico di Vicenza per la terza edizione del Vicenza Opera Festival, in programma domenica 25 e lunedì 26 ottobre con l’organizzazione della Società del Quartetto.

Edizione, questa, del tutto speciale e in qualche modo condizionata dal Covid 19 – che ad esempio non farà arrivare a Vicenza i tanti sostenitori internazionali del festival – ma il programma disegnato da Iván Fischer è comunque molto accattivante. Speculari gli impaginati delle due serate: nella prima parte c’è una grande pagina sinfonica (domenica la numero 104 in Re maggiore di Haydn, lunedì la “Pastorale” di Beethoven) e nella seconda due capolavori per voci e orchestra come Arianna a Nasso di Richard Strauss (domenica sarà eseguita l’aria Eis gibt ein Reich e l’ultima scena dell’opera) e la sera seguente Il canto della terra di Gustav Mahler nella versione curata da Schönberg.

Nelle note che accompagnano il programma il direttore ungherese spiega che è proprio la voce umana il pensiero centrale dell’edizione 2020 del festival vicentino: una voce che canta e accompagna la metamorfosi, un tema dunque di estrema attualità in questo particolare frangente che tutto il mondo sta vivendo.

Ciascuno dei due concerti in programma, poi, è accompagnato da una dedica particolare. Quello di domenica 25 è dedicato a Paolo Marzotto, scomparso pochi mesi or sono: «per ricordare il nostro amorevole amico e mecenate – spiega Fischer – ho pensato da una parte  a una delle più grandiose e divertenti sinfonie di Haydn, dall’altra all’esaltazione dell’amore che emerge dal lavoro di Richard Strauss». Grazie a Caroline Marzotto il pubblico potrà seguire gratuitamente il concerto di domenica 25 anche su un maxischermo posto nel loggiato inferiore della Basilica Palladiana.

La dedica della serata di lunedì è alla Natura e alla Vita: «mettendo insieme la “Pastorale” di Beethoven con il mahleriano Canto della terra – afferma Fischer – vorrei ribadire con forza quanto, oggi come non mai, la Natura abbia bisogno di tutta la nostra attenzione, cura e amore».

Il cast internazionale dei cantanti che accompagna la Budapest Festival Orchestra è di tutto rilievo. Ne fanno parte la finlandese Camilla Nylund, il tenore Robert Dean Smith, la giovane Samantha Gaul, il soprano tedesco Mirella Hagen, il mezzosoprano olandese Olivia Vermeulen, Elisabeth Kulman e il tenore inglese Toby Spence.

Dopo aver interrotto l’attività per alcuni mesi – destino comune a praticamente tutte le orchestre del mondo – in estate la Budapest Festival Orchestra è ripartita con i suoi programmi dal vivo. Dopo la breve trasferta in Italia, da novembre la formazione magiara sarà protagonista di una nuova stagione sinfonica al Müpa di Budapest. In Febbraio Fischer e la sua orchestra sono attesi a Salisburgo, in Marzo a Vienna, Amsterdam, Bruxelles e New York e in Maggio nei Paesi Bassi e in Germania.

Info e prenotazioni presso la Società del Quartetto: tel. 0444 543729.

Il programma completo del Festival è consultabile sul sito www.vicenzaoperafestival.com

0 0 voto
Vota l'articolo
Iscriviti
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti