Milano: l’Harmonia Cordis celebra i primi dieci anni nello stile fiammingo

Per festeggiare il decimo anno di attività l’ensemble vocale Harmonia Cordis ha scelto di offrire al pubblico un programma di stampo sacro che accomunasse il periodo dell’Avvento con alcuni dei massimi espositori delle sei generazioni di compositori fiamminghi.

Il concerto, avvenuto presso la splendida Chiesa di San Calimero in Milano lo scorso Sabato 15 Dicembre, orientava infatti su celebri nomi dell’epoca, alias Guillaume Dufay, Johannes Ockeghem, Josqui Desprez, Adrian Willaert e Orlando di Lasso, rievocando quei secoli – fra il XIV e il XVI – in cui il mecenatismo delle corti spronò inevitabilmente la nascita di un repertorio scritto ad hoc, nonché il mutamento del ruolo del compositore da mero ligio ai rigorosi dogmi ecclesiastici, i quali spingevano verso il contenimento del potere seduttivo della musica (potere riconosciuto quanto temuto) per prediligere una percepibilità sinequa non del testo declamato, ad autonomo creatore, virtuoso dimostratore degli artifici contrappuntistici e polifonici. E le corti correvano ad accaparrarsi i migliori compositori in circolazione, al fine di celebrare, attraverso quel repertorio musicale sontuoso e complesso, il fasto e la grandezza delle corti stesse.

Si comincia con Veni Redemptor gentium, inno ambrosiano dell’Avvento, intonato dall’abside, per passare ad un altro inno a 3, Ave maris stella del già citato Dufay, e seguire con Credite Salvatorem nostrum, intonato da una splendida voce femminile solista: l’ensemble Harmonia Cordis mette così in luce da subito le proprie qualità, distinguendosi per la pulizia delle voci, la morbidezza dell’emissione e l’equilibrio sonoro fra le parti.

Quindi si passa alla Missa D’ung aultre amer, messa a 4 di Josquin Desprez scritta sull’omonima celebre chanson di Johannes Ockeghem (il quale fu maestro dello stesso Desprez) che presenta uno stupendo Tu solus qui facis mirabilia in sostituzione del comune Benedictus. Ma il punto più alto dell’intero concerto è forse il brano successivo, O bone et dulcis Domine Jesu, sempre del medesimo autore, un mottetto a 4 con doppio cantus firmus; per l’occasione, l’ensemble si dispone diversamente, creando due “schiere battenti” ai lati (rispettivamente Altus e Bassus, ai quali sono affidati i due cantus firmus) circondando le 4 parti. In questo caso la politestualità, il tratto saliente dei mottetti, è più che evidente: mentre le 4 parti intonano il canto principale, gli Altus declamano un Pater Noster e i Bassus una versione breve dell’Ave Maria, creando un gioco fonetico dinamico e accattivante.

Il repertorio despreziano si completa con Ave Maria…Virgo serena, mottetto a 4 su testo mariano al quale il compositore antempone al testo una strofa che riferisce all’annunciazione e ne accoda un’altra nella quale chiede alla Vergine di intercedere per lui.

Chiudono il concerto due mottetti, di Adrian Willaert e Orlando di Lasso. Rispettivamente, O magnum mysterium, celebre mottetto a 4 in due parti in cui la teoria degli affetti si presenta inequivocabilmente, strizzando lontanamente l’occhio alla maniera madrigalistica; e Resonet in laudibus, mottetto a 5 voci che pone le basi su di un carol del ‘300. Curiosa è la presenza dell’esclamazione “eya!”, che non fa soltanto da puro pretesto contrappuntistico ma anche da vera e propria propulsione sonora.

Dopo uno scroscio di applausi e ringraziamenti, è ancora dalla pratica dei carol che si ispira il bis dell’ensemble, con l’intonazione di canti popolari natalizi in dialetti differenti, così come diverse sono le provenienze di questa formazione corale così eterogenea eppure sorprendentemente compatta.

Andrea Rocchi
(15 dicembre 2018)

La locandina

Ensemble Vocale Harmonia Cordis
DirettoreGiuditta Comerci
Programma
Guillaume DufayAve maris stella, a 3
Johannes OckeghemAlma Redemptoris Mater, a 4
Josquin DesprezAve Maria virgo serena, a 4
Inno in canto ambrosianoVeni Redemptor gentium
Josquin DesprezMissa D’ung aultre amer, a 4
O bone et dulcis Domine Jesu
Adrian WillaertO magnum mysterium, a 4
Orlando di LassoResonet in laudibus, a 5

Compila il form sottostante

Prego Login per commentare

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami